HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Appuntamenti e notizie

I concerti del Conservatorio: "Carnaval"

Andrea Virtuoso – Pianoforte
Musiche di Liszt, Ravel, Schumann
Sala Tartini - Mercoledì 14 novembre 2018, h 20.30
Ingresso libero su prenotazione (tel 040 6724911)

14 novembre 2018, 20.30

NOTE DI SALA

La Vallèe d'Obermann è uno di quei brani in cui Franz Liszt elabora maggiormente in musica alcuni spunti del Romanticismo letterario: ispirato alle impressioni suscitate dalla lettura del romanzo Obermann di Étienne de Senancour, il brano si articola come una sorta di monologo interiore di grande drammaticità, un racconto fortemente introspettivo in cui l’io narrante vive appieno la sua sofferenza riuscendo alla fine del brano a trionfare su di essa. Diversi invece sono gli otto brani dei Valses nobles et sentimentales di Ravel, la cui "scontrosa grazia" ci rende un'opera di grande eleganza e raffinatezza nella quale si alternano i sentimenti più vari, dalle atmosfere vivaci e piene di brio, presenti nel primo o nel settimo valzer, ai paesaggi più intimistici e talvolta non privi di una certa aura di mistero, come nel secondo o nell’ottavo valzer. La seconda parte del concerto è infine dedicata al Carnaval di Schumann: l’idea, del tutto fantastica, dietro a quest’opera è la rappresentazione in musica di un’ideale "sfilata di carnevale", in cui oltre ai personaggi tradizionali della commedia dell’arte (Arlecchino, Pantalone e Colombina, ...) fanno la loro comparsa anche alcune persone care allo stesso Schumann (la futura moglie Clara sotto il nome di Chiarina, Chopin, ecc.), nonché ad un certo punto Schumann stesso, nelle sue due maschere di Eusebio, la sua parte più sognante e malinconica, e Florestano, ossia il suo lato più impetuoso e appassionato. La finissima sensibilità con cui Schumann tratteggia le sue maschere assieme all’entusiasmo giovanile che pervade tutta l’opera (che l’autore scrisse quando aveva 24 anni), hanno reso il Carnaval uno dei monumenti della letteratura pianistica e una delle opere più eseguite ed amate dagli interpreti.

 

Andrea Virtuoso

Nato nel 1996, dopo aver studiato per anni alla Scuola di Musica "A. Miari" di Belluno sotto la guida di Federico Lovato è attualmente iscritto al Triennio Accademico di I livello presso il Conservatorio "G. Tartini" di Trieste nella classe di Flavio Zaccaria. Si è affermato con ottimi risultati in vari concorsi (Piove di Sacco, "Premio Crescendo" a Firenze, Concorso "Città di Belluno", ecc.); in particolare a Vicenza ha vinto il Primo premio con menzione per i migliori allievi delle scuole convenzionate con il Conservatorio di Vicenza. Ha partecipato a varie rassegne concertistiche in Veneto, Friuli Venezia Giulia e all’estero (Croazia e Austria). Ha frequentato varie master classes, tra cui le più importanti quelle con Giorgio Lovato e con Leslie Howard. È attualmente coinvolto in un’iniziativa (di cui uscirà un CD) che coinvolge il Civico Museo Carlo Schmidl di Trieste, il Conservatorio di Trieste e il Conservatorio di Graz per la riscoperta del pianista e compositore dell’800 Carl Ferdinand Lickl, che trascorse gran parte della sua vita tra Graz e Trieste. All’attività musicale affianca gli studi universitari in Fisica ottenendo la Laurea triennale con 110 e lode. Attualmente è iscritto al primo anno della Laurea magistrale in Fisica Nucleare e Subnucleare.

Programma di sala