HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Appuntamenti e notizie

I concerti del Conservatorio

Velislava Karagenova – pianoforte, con la partecipazione di Katya Vasileva – pianoforte
Musiche di Goleminov, Karagenov, Stoykov, Albéniz, Barber
Sala Tartini - Mercoledì 30 gennaio 2019, ore 20:30
Ingresso libero su prenotazione (tel 040 6724911)
In collaborazione con Academy of Music, Dance and Fine Arts - Plovdiv (Bulgaria)

30 gennaio 2019, 20.30

PROGRAMMA

Marin Goleminov: Five Impressions per pianoforte

Svetoslav Karagenov: Miniatures

Nikolay Stoykov: Sonatina per pianoforte

Isaac Albéniz: Jerez (arrangiamento per pianoforte a 4 mani di S. Karagenov)

Samuel Barber: Ballet Suite “Souvenirs” op. 28 per pianoforte a 4 mani

 

NOTE DI SALA

Marin Goleminov è un noto compositore bulgaro, direttore d’orchestra, violinista e didatta del XX secolo. Studiò composizione in Francia con Paul Dukas e Vincent d’Indy e stabilì uno stretto legame con i due celebri musicisti. Completò gli studi conseguendo la medaglia d’oro e proseguì la sua formazione musicale in Germania con Joseph Haas. Al suo ritorno in Bulgaria, M. Geminov divenne titolare della cattedra di Composizione presso il Conservatorio di Stato di Sofia. Fu prolifico compositore e creò opere di rilievo, tra le quali i balletti, tre opere, sinfonie, musiche da camera. Il suo stile compositivo si caratterizza per il vivo interesse nei confronti delle musiche folcloristiche ed in particolare della diafonia popolare; tuttavia la sua produzione musicale supera i confini del tradizionalismo e fonde la tradizione con i modelli formali della cultura occidentale. M. Goleminov venne insignito della Laurea honoris causa dall’Accademia di Musica, Danza e Belle Arti di Plovdiv. Le opere per pianoforte occuparono un ruolo meno rilevante nella sua produzione musicale. Goleminov compose le Impressions, brani caratterizzati da un’evidente influenza dell’impressionismo francese, dedicandole a un pianista belga, suo collega ed amico.

Nikolay Stoykov appartiene alla generazione contemporanea di compositori bulgari e ha ottenuto un generale riconoscimento della qualità della sua produzione artistica. Sebbene non militi nell’avanguardia musicale bulgara, la sua disposizione e il suo impegno di artista sono indirizzati a ricercare nuove prospettive nella produzione musicale contemporanea del suo paese. Stoykov è professore all’Accademia di musica, danza e belle arti di Plovdiv. Un ambito nel quale Stoykov ha raggiunto notevole successo è quello della produzione corale. La musica per pianoforte, benché non preminente nel suo catalogo, riveste un ruolo significativo. La Sonatina è una delle sue prime opere, ma ne ha curato negli anni nuove versioni, l’ultima nel 2010. La composizione è dedicata alla moglie, nota docente di pianoforte a Plovdiv.

Svetoslav Karagenov è professore associato di Armonia e Analisi musicale all’Accademia di Plovdiv. La sua carriera di compositore iniziò negli anni ’90, quando venne ammesso allo studio della composizione sotto la guida del compositore e direttore d’orchestra bulgaro Ivan Spassov. Ha sviluppato un linguaggio musicale personale, basato su tecniche moderne: elementi aleatori, serialismo, notazione grafica. Karagenov è membro dell’Unione dei compositori bulgari e Direttore del Concorso internazionale di composizione Ivan Spassov. Il ciclo Miniatures è stato ideato allo scopo di avvicinare i giovani pianisti ai più recenti orientamenti del linguaggio musicale contemporaneo. I brani sono stati composti tra il 2000 e il 2007 e alcuni sono stati inclusi in programmi di concorsi pianistici bulgari per giovani esecutori.

La creazione della suite Iberia impegnò Isaac Albeniz negli anni 1905-1909. Albeniz definì le parti che compongono il capolavoro per pianoforte “dodici nuove impressioni”. Si tratta di brani di straordinaria ricchezza armonica e ritmica e difficoltà tecnica. La versione a 4 mani di Jerez (seconda parte del quarto Libro della suite), dovuta a S. Karagenov, conferisce ariosità all’ordito musicale e ne esalta gli aspetti dinamici.

La suite Souvenirs op. 28 di Samuel Barber rappresenta, come esplicitamente dichiarato dal compositore, una sorta di divertita ed affettuosa evocazione di un tempo passato, e in particolare di un lontano 1914, «l’epoca dei primi tanghi», in cui la madre lo conduceva, ancora fanciullo, alla celebre Palm Court dell’Hotel Plaza di New York per il tè. Il New York City Ballet commissionò a Barber una versione orchestrale la cui stesura venne completata nel 1955.

 

Velislava Karagenova si è laureata presso l’Accademia di Musica, Danza e Belle Arti di Plovdiv nelle classi di Georgi Petrov (Pianoforte) e del violinista Nedyalcho Todorov (Musica da camera) e ha completato i suoi studi negli indirizzi didattico musicale e interpretativo (Pianoforte). V. Karagenova ha seguito numerose masterclasses tenute da eminenti professori, tra i quali Germaine Mounier e Ventsislav Yankov (Francia) e Alexander Alexandrov (Russia). Dal 1996 è docente della Academy. Attualmente è Lettrice nelle discipline di Pianoforte, Storia del repertorio pianistico, Analisi della letteratura musicale e recentemente ha tenuto anche lezioni di Clavicordo e Organo. V. Karagenova nutre particolare interesse per i repertori cameristico, liederistico e per la musica contemporanea. Svolge un’intensa attività concertistica e ha partecipato a numerosi Festival in Bulgaria (New Bulgarian Music, International Festival Winter Music Evenings “Prof. Ivan Spasov”, Festival in the Old Town) e negli Stati Uniti. Ha eseguito registrazioni per le emittenti nazionali televisiva e radiofonica e per TV Eurocom. V. Karagenova è inoltre autrice di tre libri: Albeniz and his Iberia – through the Pianist’s View, The Method of Leimer and Gieseking e The Clavier Cycle Six Metamorphoses by N. Stoykov – two Aspects. Ha collaborato intensamente con la pianista Katya Vassileva; il duo pianistico, attivo sin dal 1999, ha al suo attivo un ampio repertorio e ha tenuto numerose prime esecuzioni per il pubblico del proprio paese.

Katya Vasileva si è laureata in Pianoforte nell’Istituto superiore “D. Petkov” di Plovdiv sotto la guida di Rada Stambolova e nell’Accademia Nazionale di Musica “Pancho Vladigerov” di Sofia nella classe di pianoforte di Lili Atanasova. Esecuzioni pianistiche di K. Vassileva sono state trasmesse da Radio Plovdiv e dalle emittenti nazionali bulgare. Ha tenuto concerti in Ungheria e Russia e si è esibita con l’Orchestra Filarmonica di Plovdiv diretta da Emil Tabakov. Attualmente K. Vassileva ricopre il ruolo di Assistant Chief all’Accademia di Musica, Danza e Belle Arti di Plovdiv e tiene concerti in formazioni da camera a Sofia, Plovdiv, Vratza e in altre città della Bulgaria.

Programma di sala