HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Appuntamenti e notizie

I concerti del Conservatorio

Nicoletta Sanzin – arpa, Sandro Torlontano – chitarra
Musiche di Giuliani, Montsalvatge, Rodrigo, Tansman, Granados, Boccherini
Sala Tartini - Mercoledì 20 febbraio 2019, ore 20:30
Ingresso libero su prenotazione (tel 040 6724911)

20 febbraio 2019, 20.30

Les cordes chantantes

Arpa e chitarra vantano un percorso comune che si perde nei meandri della storia della musica. Sin dal Medioevo, gli antenati di questi due strumenti sono stati spesso e volentieri accostati sia nell'iconografia che nella prassi esecutiva comune. Così come la vihuela e l’arpa spagnola, associate assieme alla tecla in moltissima della trattatistica del 1500-1600, erano strumenti che suonavano assieme e che appartenevano ai consort della musica alta, quella per intenderci eseguita nelle nobili corti. Arrivando ai nostri giorni, la formazione Arpa e Chitarra ha ricevuto una sorta di ‘consacrazione’ grazie alla celebre serie di concerti tenuti dai due grandi mostri sacri Nicanor Zabaleta all’arpa e Narciso Yepes alla chitarra, che per primi alla Carnegie Hall di New York eseguirono il brano di Montsalvatge in programma questa sera oltre che dal grande chitarrista spagnolo Andrés Segovia per il quale Tansmann rielaborò per arpa e chitarra la celebre Suite in modo polonico, anch’essa tra i brani che saranno eseguiti. Proprio attorno a queste due importanti opere è costruito il programma del duo Nicoletta Sanzin e Sandro Torlontano, due artisti con una lunga esperienza concertistica solistica, colleghi al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste, nel quale, con il loro approccio mai scontato e attento ad ogni profondo particolare musicale, ascolteremo, oltre ai due brani originali citati di Tansman e Montsalvatge, le trascrizioni della deliziosa e appassionata Siciliana tratta dal Concerto per chitarra e archi op. 30 di Giuliani, le cui sonorità ben si sposano con quelle dell’arpa, il celebre Adagio dal Concerto per chitarra e orchestra di Rodrigo (che lo trascrisse anche per arpa proprio su richiesta di N. Zabaleta), la splendida Oriental di Granados e, per finire, in un vortice sonoro trascinante, il Fandango di Boccherini.

 

Nicoletta Sanzin

Diplomatasi col massimo dei voti e lode presso il Conservatorio “J. Tomadini” sotto la guida di P. Tassini, si è perfezionata negli USA con E. Malone e S. Mc Donald e in Italia con E. Zaniboni all’Accademia di S. Cecilia, diplomandosi col massimo dei voti, lode e borsa di studio SIAE. Premiata in concorsi nazionali e internazionali, si è esibita ai World Harp Congress di Vienna, Parigi, Dublino e Hong Kong e ai Simposi Europei di Norimberga e Perugia. Ha collaborato con orchestre prestigiose in Italia e all’estero (Teatro La Scala di Milano, Teatro Verdi di Trieste, Accademia di S. Cecilia di Roma, Orchestra della RAI di Roma, RTV Slovenia, TKWO, Orchestra di Padova e del Veneto, ecc.) sotto la direzione di Maestri quali D. Barenboim, R. Muti, Y. Temirkanov, S. Argiris, M. Angius ecc. Dal 1995 al 2001 è stata Prima arpa della Slovenska Filharmonija con cui si è esibita anche come solista (Concerto di R. Glière, Double concerto per arpa e oboe di W. Lutoslawski, Danse sacrée et profane di C. Debussy, Concerto per arpa e flauto di W. A. Mozart). Dal 1983 svolge intensa attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche in importanti festival in Italia e all’estero; registra per radio e TV e ha all’attivo oltre 20 CD. È docente di arpa presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste e la Scuola S. Cecilia a Portogruaro. Invitata frequentemente in giurie di concorsi nazionali e internazionali, tiene masterclass, collabora con la rivista In Chordis, è corrispondente del WHC Review. Dal luglio del 2011 fa parte del Board of Directors del World Harp Congress, ed è membro del Comitato Artistico dell’Associazione Italiana dell’arpa.

 

Sandro Torlontano

Diplomatosi con il massimo dei voti al Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli con Bruno Battisti D’Amario, si è perfezionato con José Tomas in Spagna e con Alberto Ponce in Francia all’École Normale de Musique “Alfred Cortot” de Paris, dove in un solo anno ha conseguito il Diplôme supérieur d’exécution. Primo assoluto in Concorsi Nazionali ed Internazionali con presidenti di giuria come Goffredo Petrassi, Franco Donatoni, Angelo Gilardino, nel 1994 risulta vincitore (3° classificato su oltre 800 iscritti) del Concorso per titoli ed esami per l’insegnamento nei Conservatori, in seguito al quale diviene docente di chitarra dapprima nei Conservatori di Napoli, Foggia, Venezia e dal 2011 al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. È stato invitato da prestigiose istituzioni concertistiche esibendosi, oltre che in Italia, in Germania, Francia, Spagna, Svizzera, ex Yugoslavia, Portogallo, Turchia, Danimarca, Lettonia e in U.S.A. dove è stato per quattro anni regolarmente ospite del “Newport Music Festival”. Ha collaborato con varie orchestre fra cui l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia in Roma sotto la direzione di Myung-whun Chung, Daniele Gatti, Hans Vonk, suonando nel 2000 alla presenza di Sua Santità Papa Giovanni Paolo II e partecipando da solista con Luis Bacalov come direttore all’inaugurazione della Cavea del Parco della Musica a Roma. Ha preso parte con I Solisti Aquilani all’esecuzione e all’incisione per la Dynamic in prima nazionale dell’opera “Maria de Buenos Aires” di Astor Piazzolla. Ha registrato per RAI, Mediaset, SAT2000, Catalunja Radio (Spagna), Dayton Public Radio, WGBH (U.S.A.), RTS (Serbia); ha inciso per la Dynamic e Videoradio, ha effettuato revisioni di opere contemporanee per chitarra ed è invitato come membro di giuria in Concorsi Nazionali ed Internazionali. Sandro Torlontano suona su una chitarra “Lorenzo Frignani” del 2013.

Programma di sala