HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Appuntamenti e notizie

I concerti del Conservatorio

ODHECATON: Alessandro Carmignani, Gianluigi Ghiringhelli controtenori, Alberto Allegrezza tenore e flauto dolce, Massimo Altieri tenore, Marco Scavazza baritono, Davide Benetti basso, Elisa La Marca liuto, Paolo Da Col direzione
Con la partecipazione di Giovanni Cantarini tenore, Gabriele Russo lira da braccio
Musiche di autori contemporanei di Leonardo da Vinci (vedi programma di sala)
Sala Tartini - 22 maggio 2019 ore 20.30
Ingresso libero su prenotazione (tel 040 6724911)
in collaborazione con Associazione Chamber Music

22 maggio 2019, 20.30

Leonardo da Vinci musicista

Come molti altri pittori e scultori del Rinascimento, Leonardo da Vinci fu un eccellente musicista, noto ai suoi contemporanei per il suo eccezionale talento d’interprete. Cantava versi improvvisati e si accompagnava con la lira da braccio, uno strumento presente in Italia fra 1450 e 1550. La pratica del canto monodico accompagnato con la lira da braccio era una moda che attraversava ambiti sociali molto diversi, dalle popolari piazze alle corti principesche. Il programma di questo concerto propone di far scoprire il mondo musicale di Leonardo, mostrando sia la pratica musicale da lui stesso esercitata sia quella dei contesti frequentati da Leonardo a Firenze, quando lavorava nella bottega del Verrocchio e per Lorenzo il Magnifico, a Milano, nell’ambito dell’Accademia Leonardi Vinci e della corte di Ludovico il Moro, e poi negli anni di viaggio fra Mantova, Venezia, Firenze, Roma e, infine, ad Amboise, in Francia. Il programma prevede aeri per cantare ottave, capitoli e sonetti, brani per liuto e altri strumenti, composizioni polifoniche (mottetti e frottole) di autori italiani, fiamminghi e francesi che sono stati in relazione con Leonardo o che hanno animato la vita musicale dei centri nei quali Leonardo risiedette o transitò nel corso della sua vita.

 

Ensemble Odhecaton

Sin dal suo esordio nel 1998, ha ottenuto alcuni dei più prestigiosi premi discografici e il riconoscimento, da parte della critica, di aver inaugurato nel campo dell’esecuzione polifonica un nuovo atteggiamento interpretativo, che fonda sulla declamazione della parola la sua lettura mobile ed espressiva della polifonia. L’ensemble vocale deriva il suo nome da Harmonice Musices Odhecaton, il primo libro a stampa di musica polifonica (Venezia, O. Petrucci 1501). Il suo repertorio d’elezione è rappresentato dalla produzione musicale europea tra Quattro e Settecento. Odhecaton riunisce alcune delle più scelte voci maschili italiane specializzate nell’esecuzione della musica rinascimentale e preclassica sotto la direzione di Paolo Da Col. L’ensemble ha registrato una quindicina di CD, dedicati rispettivamente a musiche di Gombert, Isaac, Josquin, Peñalosa, ai maestri della Picardie, ai compositori spagnoli e portoghesi attivi nel Seicento nelle isole Canarie, a Palestrina, Monteverdi, Carlo Gesualdo, Orlando di Lasso, Alessandro Scarlatti e Loyset Compère. Con questi programmi Odhecaton è ospite nelle principali ras segne in Europa e America e ha ottenuto i maggiori riconoscimenti discografici: Grand prix international de l’Académie du disque lyrique, 2 diapason d’or de l’année, 5 diapason (Diapason), choc (Classica), disco del mese (Amadeus e CD Classics), cd of the Year (Goldberg), Editor’s choice (Gramophone). Negli ultimi anni Odhecaton ha rivolto grande parte del proprio impegno interpretativo alla musica sacra di Claudio Monteverdi e al repertorio contemporaneo (Sciarrino, Scelsi, Pärt, Rihm, de Pablo, de Stefani). Per le celebrazioni monteverdiane del 2017 Odhecaton ha partecipato all’esecuzione del film documentario per la televisione ARTE «Monteverdi, aux sources de l’Opéra» con regia di Philippe Béziat e ha realizzato una nuova registrazione dedicata alla produzione sacra della maturità del compositore cremonese (Monteverdi in San Marco, Arcana). A Odhecaton è stato conferito nel 2018 il Premio Abbiati della critica musicale italiana per le sue esecuzioni, che la giuria ha indicato quale «paradigma di stile, chiarezza espositiva e nobilitazione degli spazi sonori nei quali risuonano».

 

Paolo Da Col

Ha compiuto studi musicali al Conservatorio di Bologna e musicologici all’Università di Venezia. Sin da giovanissimo ha orientato i propri interessi al repertorio della musica rinascimentale e preclassica, unendo costantemente ricerca ed esecuzione. Ha fatto parte per oltre vent’anni di numerose formazioni vocali italiane, tra le quali la Cappella di S. Petronio di Bologna e l’Ensemble Istitutioni Harmoniche. È bibliotecario del Conservatorio di Trieste. Dal 1998 dirige l’ensemble vocale Odhecaton. Ha collaborato con Luigi Ferdinando Tagliavini alla redazione della rivista L’Organo e in qualità di critico musicale con varie riviste specializzate, ha diretto il catalogo di musica dell’editore Arnaldo Forni di Bologna, è curatore di edizioni di musica strumentale e vocale, autore di cataloghi di fondi musicali e di saggi sulla storia della vocalità. Collabora all’edizione critica delle opere di C. Gesualdo da Venosa, G. Tartini e G. Rossini. Attualmente svolge un lavoro di ricerca sulla vocalità del Rinascimento presso il Centre d’Études Supérieures de la Renaissance di Tours.

 

Giovanni Cantarini

È un rinomato esecutore di musica antica, soprattutto al di fuori dei confini nazionali, con una carriera che lo ha portato a esibirsi nei migliori festival europei e in venues esclusive (Bervely Hills, Daitoku-ji Temple di Kyoto, Santuario del Quince Ecuador etc…) nel resto del mondo; ha eseguito musiche dalla Grecia antica, al medioevo e al barocco con i migliori gruppi della early music (Huelgas Ensemble, Ensemble Gilles Binchois, La Venexiana, Micrologus, Melpomen, Le Miroir de Musique, La Morra, Leones, Perlaro, Cantar lontano) con i quali ha fatto premiate incisioni fra cui si segnalano: Monteverdi, Ottavo Libro dei Madrigali, ens. La Venexiana; Sulla lira, ens. Miroir de Musique e ora Fons luminis, ens. Gilles Binchois che toccano alcuni fra i più bei repertori della musica occidentale. Formatosi con Dominique Vellard e Gerd Türk presso la Schola Cantorum Basilienis, continua a trattenere rapporti professionali con l’istituzione tenendo workshops specializzati e portando avanti la sua formazione dottorale presso l’Università di Basilea. I progetti più recenti, vedono Giovanni Cantarini impegnato in repertori dove poesia e pratiche di improvvisazione musicale sono più legate. Con Conrad Steinmann (ens. Melpomen) performa su testi lirici e epici antichi, musiche scritte per lui sulla Kithàra, mentre con Baptiste Romain (Miroir de Musique), riporta in scena il repertorio umanistico e rinascimentale per lira da braccio; in duo con il liutista Ariel Abramovich esplora il mondo del primo madrigale e della frottola e infine con il tiorbista Julian Behr si dedica alla riscoperta della monodia barocca di Francesco Rasi.

Pubblicato il 04.05.2019

Programma di sala