HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Appuntamenti e notizie

I concerti del Conservatorio

PROGETTO RODRIGO: La forza, lo stupore, lo struggimento, il visionario impressionismo iberico
Pier Luigi Corona – chitarra
Musiche di Joaquin Rodrigo
Sala Tartini - Mercoledì 20 novembre 2019, ore 20.30
Ingresso libero su prenotazione (tel 040 6724911)

20 novembre 2019, 20.30

PROGRAMMA

Joaquin Rodrigo:

En Los Trigales

Junto al Generalife

Elogio de la Guitarra
Allegro — Andantino — Allegro

Tres Piezas Españolas
Fandango — Passacaglia — Zapateado

Invocación y danza

Sonata Giocosa
Allegro — Andantino — Allegro

 

NOTE DI SALA

Il programma vuol essere un omaggio al compositore Joaquin Rodrigo, vera e propria icona del panorama musicale spagnolo del XX secolo.

Quella di Rodrigo è personalità ricca e poliedrica e per alcuni versi figura 'spiazzante' rispetto alla tradizione chitarristica di fine ’800 e primi ’900 di Tarreghiana e LLobettiana memoria.

È dato oggettivo che il Nostro faccia ricorso all’uso delle forme della polifonia barocca e alle danze tipiche della tradizione iberica, ma al tempo stesso il suo stile sembra guidato dalla volontà di rompere gli stereotipi di un linguaggio che egli stesso sente superato e oleografico. Da qui nasce l’esigenza di una sintassi innovativa, di un vocabolario armonico arricchito di rifrazioni impressionistiche che irrorano il suo stile di una nuova linfa creativa.

Egli in definitiva opera una 'proditoria' scelta di tipo debussiano,cioè un allontanamento dal già sentito e codificato.

La forza espressiva di Rodrigo nasce dal saper coniugare un linguaggio caleidoscopico, ora umoristico ora drammatico, con un melos sempre ispirato, lieve e di profonda bellezza.

Il suo mondo spirituale tende a sublimarsi in una visione ideale di una Spagna arcaica e bucolica, piena di echi e di rimandi, ricca di una soavità che incanta e apre al mistero.

(Pier Luigi Corona)

 

Pier Luigi Corona è nato a Roma, dove ha iniziato gli studi musicali con i maestri Mario Cerquozzi e Sergio Notaro. Successivamente si è perfezionato con Julian Bream ed Oscar Ghiglia, del quale è stato allievo per tre anni presso l’Accademia Musicale “Chigiana” di Siena, conseguendovi tre Diplomi di Merito. Ancor prima di diplomarsi in chitarra con il massimo dei voti e la lode, ha iniziato giovanissimo un’intensa attività concertistica. Come solista si è esibito con varie orchestre, quali l’orchestra della RAI di Roma, la Filarmonica di Udine, il Laboratorio Ensamble, la International Chamber Orchestra, l’orchestra di Treviso, l’Orchestra “F. Busoni” e l’Orchestra della Radio-Televisione di Tirana. È stato invitato in prestigiosi Festival Internazionali quali: i Festival di Salisburgo, Lubiana, Zagabria, Bucarest, Bitola (Macedonia), Apollonia (Albania), Dolny Kubin (Slovacchia), Bar (Montenegro). Ha tenuto concerti in importanti sedi concertistiche italiane e straniere negli Stati Uniti, in Sud America, in tutta Europa, in Nord Africa e in Turchia. Tiene regolarmente Master Class in Italia ed all’estero; ultimamente è stato invitato al CIT di Cork (Irlanda), dall’Accademia Sibelius di Helsinky, dall’Accademia Musicale di Lisbona, dall’Università Deviset di Istanbul e dal Conservatorio Superiore di Pamplona. Dal 2004 è solista della “Gorizia Guitar Orchestra” con la quale ha compiuto diverse tournée in tutta Europa e ha inciso un CD dedicato ai famosi concerti Joaquin Rodrigo: Fantasia para un gentilhombre e Concierto de Aranquez. Per la casa discografica R.S. ha registrato l’opera completa per chitarra di Joaquin Turina e opere di Manuel Maria Ponce. Ha registrato per le maggiori emittenti europee. È vincitore di primi premi in Concorsi Nazionali ed Internazionali e di premi relativi alla sua attività concertistica. Dal 1986 è docente al Conservatorio Statale di Musica “Giuseppe Tartini” di Trieste e successivamente titolare di cattedra nel 1994, anno nel quale risulta vincitore (4° classificato su oltre 800 iscritti) del Concorso Nazionale per titoli ed esami per l’insegnamento nei Conservatori. Pier Luigi Corona suona su una chitarra "Renato Barone" del 2007.

Pubblicato il 02.11.2019

Programma di sala