Convocazioni Consiglio accademico – Conservatorio G. Tartini
HOME PAGE mappa contatti Cerca

Cerca persone, pagine e documenti all'interno del sito.

Conservatorio

Giulio Aldo D'Angelo

Curriculum

Giulio D’Angelo, nato a Rionero in Vulture nel 1958, ha affiancato agli studi classici quelli musicali, conseguendo il diploma di flauto sotto la guida di Roberto Fabbriciani e laureandosi cum laude in Musicologiapresso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca (Ph.D.) presso l’Università Eötvös Loránd di Budapest (summa cum laude) con una tesi su ‘Le scelte letterarie nella romanza vocale da camera dell’Ottocento’.

Particolarmente interessato alle diverse forme di spettacolo ha realizzato, come musicista e come autore, diversi lavori di teatro musicale rappresentati in Italia, Francia e Ungheria.

Ha collaborato per la parte musicale e informativa a produzioni teatrali, televisive e di balletto e collabora a riviste e testate giornalistiche in Italia e in Ungheria.

Tiene regolarmente conferenze e seminari presso Università, Conservatori, Festival e Associazioni culturali in tutta Europa ed è stato per oltre trent’anni consulente musicale dei Solisti dauni: nell’ambito di tale attività ha avuto la possibilità di collaborare con alcuni dei compositori e degli interpreti più importanti dei nostri giorni. Per questo importante gruppo da camera italiano si è occupato particolarmente dei Teatri possibili, festival di teatro musicale cui l’Associazione Critici musicali italiani ha conferito il Premio Abbiati 2005.

Insieme a Paolo Troian ha curato di recente la pubblicazione Giuseppe Verdi La musica vocale da camera nelle prime edizioni per gli Editori Forni di Bologna.

Ha ideato e curato la costruzione di un sito interamente dedicato a Salvatore Sciarrino che è stato indicato come esemplare per facilità d’accesso e completezza di contenuti dai più importanti critici ed esperti di musica contemporanea.

E’ docente di ruolo di Storia ed Estetica Musicale del Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini di Trieste.

Vive a Budapest e svolge attività artistica e di ricerca principalmente in Ungheria, dove ha lavorato per due anni alle relazioni internazionali del Festival Internazionale d’Opera di Miskolc, ha curato progetti editoriali per la Casa editrice Koenemann Music Budapest e ha gestito per vent’anni l’ufficio italiano del Sziget Festival, il più grande meeting di culture giovanili d’Europa.

È ‘ambasciatore’ del Terzo Paradiso –Rebirth Day di Michelangelo Pistoletto.




Giulio D’Angelo studied classical music and received a diploma in Flute under the guidance of Roberto Fabbriciani (Conservatorio G. Nicolini, Piacenza).

He graduated ‘cum laude’ in Musicology from University Cà Foscari, Venice and completed a doctorate on research (Ph.D.) of “the choices of text for Italian vocal chamber music compositions of the 19th century” (summa cum laude) at Eötvös Loránd University, Budapest.

At present he works as a Professor of History of music at Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini in Triest (Italy).

Giulio D’Angelo regularly gives lectures at universities, conservatories, festivals and events organized by different cultural associations all over Europe.

For more than 30 years he has been working as the musical consultant of the chamber music group, I Solisti Dauni. Pursuing these activities he has had the opportunity to collaborate with some of the most important contemporary composers and artists. As the group’s consultant, he has also been engaged in organizing ‘I Teatri Possibili’, a musical theatre festival, which in 2005 was awarded the prestigious ‘Premio Abbiati’ prize by the ‘Associazione dei Critici musicali’ (Critics’ Association).

Recently along with Paolo Troian, he has published Giuseppe Verdi La musica vocale da camera nelle prime edizioni at Editori Forni in Bologna.

He has created a website totally dedicated to Salvatore Sciarrino, which for its easy accessibility and completeness has been highly appreciated by scholars, senior critics and experts of contemporary music.

He lives in Budapest and pursues most of his artistic and research activities in Hungary.

He also worked as a consultant for the International Opera Festival of Miskolc for two years where he was responsible for international relations. For 20 years he was managing the Italian office of the Sziget Festival, the biggest cultural event for young people in Europe.

Giulio D’Angelo has a good command of English and speaks basic French and Hungarian.