Eventi

Quando

18 may 2022 20:30


Dove

Sala Tartini


Tag

Strumenti armonici
Strumenti ad arco

Concerto "Rêveries": Stefano Sciascia, contrabbasso – David Giovanni Leonardi, pianoforte – Laura Menegozzo, viola

Sala Tartini, mercoledì 18 maggio 2022, ore 20.30

Stefano Sciascia
Inizia lo studio del contrabbasso all'età di sedici anni. Molto presto comincia a collaborare con le orchestre della Rai di Torino, con i Solisti Veneti di Claudio Scimone, con l'Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, con le quali suona nelle maggiori capitali europee e del mondo. Contemporaneamente si dedica alla ricerca di nuova musica trascrivendola per contrabbasso ed arricchendo così il repertorio solistico per il suo strumento. Ha registrato, come solista, numerosi CD per le case discografiche Rivo Alto di Venezia e la King Records Japan di Tokyo. La Newton Classics ha deciso di ripubblicare i suoi primi CD con distribuzione Naxos Records. Dal giugno 2001 è invitato alle Conventions organizzate dalla I.S.B. (International Society of Bassist) U.S.A.: Butler University, Indianapolis - 2001, Richmond University Virginia - 2003, Western Michigan University, Kalamazoo - 2005, Oklahoma City University - 2007, Penn State University Philadelphia - 2009, San Francisco University - 2011. Nel 2004 in Giappone ha tenuto una serie di master classes e concerti a Tokyo, Osaka e Kobe.
Ha tenuto master classes in Italia, Norvegia (Oslo Academy), Finlandia (Sibelius Academy), Svezia (Gothenburg Academy), Copenhagen (Opera House), Londra (Trinity College), Lugano Conservatorio della Svizzera italiana, Riga (Latvian Academy), Zagabria (Zagreb Academy), Belgrado (Belgrade Academy), Salisburgo (Mozarteum University), Gerusalemme (Jerusalem Music Academy), Vienna (Universität für Musik und darstellende Kunst).
Ha pubblicato musica inedita per Ludwin Music U.S.A.. Nell'agosto 2012 ha tenuto un recital alla Copenhagen Opera House durante la European Bass 2012 Convention e nell' ottobre dello stesso anno ha suonato la sua composizione "Mantra 22.22" alla Mozarteum University di Salisburgo. Nel giugno del 2013 ha suonato il contrabbasso appartenuto a Sergej Koussevitzky in un recital alla Rochester New York University durante la ISB Convention 2013. Il suo ultimo lavoro discografico è "Soli Deo Gloria", un CD per Contrabbasso Solo con Suite e Partite di J. S. Bach.
Nel settembre 2016 ha tenuto un recital solistico alla Praga Bass 2016 Convention presso l'HAMU Academy. Ha recentemente suonato in duo con D.G.Leonardi al Teatro del Giglio nell'ambito del Bass2018 Lucca European Festival 30 Luglio – 5 Agosto.
Il 7 giugno 2019 ha tenuto un Recital solistico nell’ambito della ISB Convention: Auer Hall Indiana University Bloomington USA.
Ha composto la colonna sonora del pluripremiato film "Across the River" di Lorenzo Bianchini proiettato in anteprima al Festival di Taormina nel giugno del 2013.
È docente di Contrabbasso al Conservatorio di Musica "G. Tartini" di Trieste.
Suona un Contrabbasso Ruggeri del 1700.

David Giovanni Leonardi
Nato a Udine nel 1966, diplomato in pianoforte al Conservatorio di Udine e laureato in Musicologia alla Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona, titolare di cattedra di Storia della Musica presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine. Svolge attività di pianista nel settore cameristico vocale e strumentale e ha partecipato alla produzione e registrazione di dieci Compact Disc, cinque dei quali in duo con il contrabbassista Stefano Sciascia. Dal 1996 svolge il ruolo di pianista accompagnatore ufficiale del Concorso Internazionale di Canto da Camera “C.A. Seghizzi” di Gorizia. Si dedica all’approfondimento del Novecento musicale friulano, cura catalogazioni, edizioni critiche ed ha pubblicato contributi musicologici su incarico della Società Italiana di Musi- cologia, della Società Filologica Friulana e dell’Associazione Corale Goriziana “C.A. Seghizzi”. Partecipa a conferenze, programmi radiofonici e convegni di studio, pubblicando, quale critico e storico musicale, su quotidiani, settimanali e periodici specializzati. Più volte membro di giuria in concorsi di esecuzione strumentale e vocale e di composizione, collabora a livello pianistico e di consulenza musicologica con i più noti assiemi orchestrali e corali della regione Friuli Venezia Giulia e con le case discografiche Bongiovanni, Nota, Real Sound, Rivo Alto e Stradivarius.

Laura Menegozzo
Consegue il diploma di viola a pieni voti presso il Conservatorio Statale di Musica di Bologna nel 1995. Si perfeziona con Y. Bashmet, J. Levitz. Si specializza in quartetto e musica da camera presso la Scuola di Musica di Fiesole, l’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, l’Accademia Chigiana di Siena. Ha suonato con le maggiori istituzioni lirico sinfoniche italiane tra cui l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia a Roma e la Rai di Torino, l’Orchestra della Radio della Svizzera Italiana, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Giuseppe Verdi di Trieste, dove attualmente suona stabilmente. Ha conseguito il secondo premio (primo non assegnato) al Concorso Internazionale di Stresa (1995) il Diploma di Merito e due borse di studio assegnatele dal M. Y. Bashmet nell’ambito dei corsi estivi dell’Accademia Chigiana di Siena.
Ha suonato da solista al Teatro Municipale Valli di Reggio Emilia e in varie formazioni da camera ha tenuto concerti in Italia e all’estero. Nel Maggio del 2013 esce il suo primo CD “Colori e Suoni del Novecento” con musiche per viola sola. Seguono le 4 sonate per Viola sola di Hindemith e il CD ln Alto, che include, tra gli altri, un brano del fisico triestino Paolo Bozzi ”Der Phsychophysische Bogen”. ln collaborazione con la pianista Adele d’Aronzo ha registrato l’Opera completa per viola e pianoforte di Nino Rota e quella per viola sola di K. Penderecki (2020).
Con Elif Canbazoğlu mezzosoprano e Hiromi Arai al pianoforte ha recentemente inciso il CD Le son du cor su testi dei maggiori poeti dell’ ‘800 e ‘900.
I CD sono stati trasmessi da Radio 3 – Primo Movimento e sono stati accolti favorevolmente dalla critica italiana ed estera. Laura Menegozzo suona una viola Carlo Giuseppe Testore 1699.